Ricevi GRATUITAMENTE offerte e novità
Moneta:
Italian English
Homepage Chi siamo Area Rivenditori Manuale candele fai da te Eventi Condizioni di vendita Contatti Curiosità
I nostri prodotti
Cerca
Ricerca veloce:
 



Manuale per candele fai da te


A lume di candela ogni incontro diventa speciale, l’atmosfera coinvolgente, regalando all’ambiente colori discreti, armoniosi e caldi.
Le candele rappresentano un elemento d’arredo che conferisce stile e personalità anche all’ambiente più spoglio.

Far da sé le candele può essere un hobby molto divertente e gratificante.
In questo piccolo manuale troverete le principali tecniche per realizzarle e utili consigli relativi al materiale da utilizzare.


MATERIALE:

       1.Contenitori e forme per candele:

Le candele possono avere varie forme: alte, sottili, quadrate, tonde, ovali, etc.
Il primo passo è quello di scegliere la forma più affine al vostro ambiente e ai vostri gusti. Fatto ciò sarà necessario procurarsi un contenitore per riprodurre la forma desiderata.

Si possono per esempio utilizzare:

    • Vecchi bicchieri o ciotole di varie forme e materiali (alluminio, ceramica, vetro, plastica, lattice, metallo)

    • Stampi per dolci in alluminio o silicone

    • Bottiglie di plastica e contenitori di recupero




2. Cera :

L'elemento che non può mancare è sicuramente la cera. Ne esistono diverse qualità, tra cui:


Un'annotazione per la cera d'api. La cera d'api è molto pregiata ma attenzione, si divide come segue:
- cera d'operacolo : la più profumata, è il "tappo" delle cellette 
- cera di favo o di nido: la più dura da bruciare, è la struttura della cella
- aggiunta di laminato: è un foglio di paraffina stampata e non è più dichiarabile come cera d'api pura


3. Stoppino


N.B.  non ascoltate quelli che sostengono di poter fare un buono stoppino a casa con del semplice ritorto! La corretta scelta di uno stoppino artigianale è molto importante perché se troppo piccolo la candela non brucerà bene mentre se troppo grande produrrà una fiamma molto fumosa. Lo stoppino va inoltre adattato alla cera che si sta utilizzando, al tipo e al diametro della candela che si vuole ottenere.

Esistono svariati tipi di stoppino:

  • Stoppino per cera d’api

  • Stoppino in fibra di vetro per lampade a olio

  • Stoppino per ciotole da giardino

  • Stoppino in legno

  • Stoppino per candele in contenitore

     

    4. Graffette:

    Utili e indispensabili accessori per fermare i lucignoli, le graffette sono disponibili in diverse misure a seconda del diametro della candela che si sta componendo.

     

    5. Colori e fragranze:

    Un'altra componente molto importante nella composizione della candela è il colore e la profumazione che si decide di farle assumere. A tale scopo è possibile utilizzare colori in scaglie, che vanno utilizzati in una percentuale tra 1 e 5 a seconda del colore scelto. Quanto alla fragranza, è possibile scegliere tra innumerevoli profumazioni stando attenti ad utilizzarli in una percentuale tra il 3 e il 5%, e comunque non oltre l'8% per evitare problemi di combustione.

    Sbizzarrendovi con la fantasia è inoltre possibile aggiungere fiori, spezie, conchiglie e qualsiasi altro accessorio di vostro gusto.


     6. Gli attrezzi:

  1. Una pentola di Ø almeno 20cm da utilizzare per bagnomaria e un pentolino per il latte di alluminio o di acciaio. Utilizzate utensili che non intendete più utilizzare per i generi alimentari!

  2. Stecche di legno per fissaggio degli stoppini negli stampi. Possono essere utilizzate per esempio le stecche dei ghiaccioli.

  3. Un taglierino o coltello affilato per le rifiniture

  4. Sigillante tipo gomma pane da utilizzare per fissare lo stoppino al centro del recipiente che si intende utilizzare per la creazione della candela

  5. Imbuto, se si utilizza un recipiente con apertura stretta.



PROCEDIMENTO:

1. Preparate il piano di lavoro coprendo con attenzione le superfici per evitare di rovinare i vostri mobili.
2. Sciogliere la cera a bagnomaria mescolando con un cucchiaio di legno, finchè non diventa liquida.

  




3. Dopo aver tagliato lo stoppino della lunghezza desiderata, immergetelo nella cera fusa aiutandovi con un
bastoncino di legno. Poi toglietelo e lasciatelo raffreddare su un foglio di carta per eliminare la cera
in eccesso. Inserite un'estremità dello stoppino nella graffetta e stringete l'anellino con una pinza per
fissarlo.
Appoggiate un bastoncino sullo stampo, perpendicolare allo stoppino e legatevi l'estremità opposta dello
stesso posizionandolo in verticale.

4. Aggiungete alla cera a bagnomaria, il colorante per candele e la fragranza scelta (in % consigliate) e
mescolate finchè non diventa tutto liquido.

5. Attendete che la cera fusa si raffreddi leggermente (non deve essere nè troppo liquida nè troppo densa) e
versatela lentamente nello stampo picchiettando con delicatezza sulle pareti per evitare la formazione di
bolle d'aria. Se la cera raffreddandosi dovesse ritirarsi, sarà necessaria una successiva aggiunta per
riempire gli spazi che si sono formati.

6. Lasciate raffreddare bene il tutto all'aria aperta o in frigorifero.
7. Estraete la candela dallo stampo. Attendete almeno 24 ore prima della prima accensione.


 




PRECAUZIONI:

  • Utilizzate la cera come se fosse olio bollente, facendo attenzione ad accidentali e dolorosi schizzi.
  • Non portate la cera a livello di fumosità perchè potrebbe prendere fuoco. Se questo dovesse succedere non usate acqua ma un panno umido o un coperchio di metallo.
  • A lavori terminati, pulire gli attrezzi con acqua calda aiutandosi con alcool denaturato. Non gettare la cera avanzata negli scarichi per evitare di intasarli!



Home Page » Catalogo » Manuale per candele fai da te

Ultimi visti




Informazioni contatto
Copyright © 2017 Monterosa Zelandi Srl P.IVA: 02077690036
Sede Legale: Via A. De Gasperi, 41 San Pietro Mosezzo 28060 (No) Italy



Candele fai da te - Stoppini per candele - Candle Wicks

Webmaster Gragraphic